Perchè abbiamo deciso di cambiare il nostro logo.

Perché il vecchio logo era superato e poi non lo avevamo mai veramente sentito del tutto nostro.

Nel 1998 le case farmaceutiche si fondevano tra di loro.
Anche i nostri fornitori lo facevano: dovevamo farlo anche noi.
Non farlo significava rimanere schiacciati da clienti e fornitori troppo grandi.
Così, la fusione societaria ci ha permesso sì di crescere, ma anche di capire, vent’anni dopo, che volevamo riprenderci un po’ delle nostre origini.

Quando siamo tornati a essere solo Abar abbiamo incaricato un designer internazionale di studiare un nuovo logo.
Volevamo dare ad Abar un marchio con tratti i grafici della modernità, ma con gli stessi colori di sempre.
Sono il rosso 485 e il blu 282, i colori del pacchetto di sigarette Muratti che nel 1958 scelsero i miei genitori.

Il logo oggi esprime stabilità e slancio allo stesso tempo.
Poggia saldo alla base e in alto il triangolo rappresenta del tutto gli obiettivi puntati da Abar.
È posato su 62 anni di storia ed è slanciato con forza verso un futuro di innovazione e creatività.

Perché il logo di una azienda è come lo sguardo di una persona.
Dentro quella profondità puoi scorgere quello che è stata e quello che spera di diventare.
Posare il proprio sguardo sul nuovo logo di Abar trasmette la solidità storica che abbiamo mantenuto fino a oggi e indica la direzione da dare al nostro futuro.

Make it with Abar’s Touch!

close